Azienda agricola D.S. bio

DS bio vini

via Piana, 32 03030 Pescosolido (FR)
Tel. 3498612984
info@dsbiodinamica.com
www.dsbiodinamica.com

Breve storia dell’Azienda

La mia azienda nasce nel 2012 a seguito del mio percorso di studi svoltosi in Francia. È un’azienda di prima generazione, i miei genitori si occupavano di altro; avevano dei terreni di proprietà ma non venivano coltivati. Dal 2012 ho iniziato a ricoltivare dei vigneti a piede franco coltivati ad alberata (maritati all’ulivo) ed ho messo a dimora dei nuovi impianti di maturano, lecinaro e uva giulia; vitigni autoctoni della Valle di Comino, pressoché sconosciuti, che sono stati riscoperti negli ultimi anni grazie alla tenacia e alla lungimiranza di diversi contadini di queste montagne. L’azienda si trova a Pescosolido (FR), nel versante laziale del Parco Nazionale Abruzzo Lazio e Molise, a 630 metri sul livello del mare.

Cenni storici e geografici sul territorio: Pescosolido e la Valle di Comino sono stati da sempre terra di confine. Appartenevano allo Stato Borbonico, provincia di Caserta fino agli anni 20. Il nome Pescosolido deriva dal latino; l’esatta traduzione è “roccia solida” questo è dovuto alla sua conformazione. Si sviluppa in altezza sul crinale della montagna. Infatti la struttura del suolo è per lo più calcareo arenaria, i vigneti dell’azienda sono quasi tutti esposti a sud, sud-ovest. E’ un territorio particolarmente vocato alla coltivazione di vitigni a bacca bianca.

Condizioni ambientali del posto e dell’area di produzione: Pescosolido è crocevia di tre valli (Valle di Comino, Valle del Liri e Valle Roveto) questa particolare posizione è “tormentata” dalle correnti ventose provenienti dall’Abruzzo, che evitano il propagarsi di malattie fungine (peronospora, oidio ecc); infatti mediamente si fanno 3 o 4 trattamenti di rame e zolfo. Queste condizioni favoriscono molto la coltivazione della vite.

I miei principi e idealità di produttore

Da sempre ho sposato i principi della biodinamica; però sono dell’avviso che la biodinamica da sola, non fa miracoli. Va contestualizzata al territorio. Secondo il mio punto di vista bisognerebbe rivedere i quantitativi e le modalità di applicazione dei preparati; anche in virtù dei cambiamenti climatici. Ho scelto di investire nel mio piccolo paese, anche per dare una opportunità lavorativa a molti miei coetanei che dopo gli studi sono costretti ad andare nei grandi centri abitati, poiché il territorio non offre sbocchi lavorativi. Il settore vitivinicolo, può essere un volano per altri settori produttivi: da quello ricettivo a quello turistico.

La mia opinione sull’utilizzo di OGM: Credo che gli OGM siano un pericolo per la perdita della biodiversità. Nel mio piccolo sto cercando di riscoprire, grazie alla collaborazione di altri contadini e istituti di ricerca quali il CREA di Velletri e l’ARSIAL, diversi vitigni autoctoni. L’omologazione dettata dagli OGM sicuramente non può portare nulla di buono, né per il nostro settore, né per gli altri.

Scheda aziendale

  • Proprietario: Scenna Danilo
  • Possibilità di visitare l’azienda: SI, lunedì, martedì, mercoledì pomeriggio
  • Eventuali strutture ricettive: NO, ma ci sono B&B convenzionati con la cantina
  • Descrizione del nucleo famigliare e loro coinvolgimento nelle attività agricole: Mio padre è colui che insieme a me si occupa dei vigneti; mia sorella si occupa della parte commerciale
  • Superficie coltivata totale: 18 ha
  • Superficie coltivata a vigneto: 2 ha
  • Altre colture: uliveti (2 ha), prati pascolo (10 ha), seminativi (1 ha), bosco ( 3 ha)
  • Eventuali prodotti acquistabili in azienda: vino
  • Proprietà dei terreni: tutti i terreni sono di mia proprietà o della mia famiglia
  • Enologo o responsabile di cantina: Michele Lorenzetti
  • Agronomo o responsabile conduzione agricola: Anselmo Ernesto Cioffi
  • Lavoratori fissi: solo membri della famiglia.
  • Lavoratori stagionali: n° 3 in media durante la vendemmia e la potatura
  • Tipologia di contratto di lavoro utilizzata per i lavoratori fissi:
  • Tipologia di contratto di lavoro utilizzata per i lavoratori stagionali: contratto a tempo determinato / tirocinio formativo
  • Ricorso a lavoro interinale: no

Vini prodotti

ARCARO – bianco (Maturano IGT del Frusinate)

MATRE – bianco (60% maturano 40% trebbiano) da vigne vecchie franche di piede

VOLUMNIA – rosso (40% Lecinaro IGT del Frusinate, 40% Sangiovese, 20% Uva Giulia)

  • Numero totale di bottiglie prodotte: 1500
  • Vendita diretta in azienda: si
  • Vendita nella media e/o grande distribuzione: no
  • Totale vendite ultimo anno: 1300

autocertificazione-vini- DS-BIO